Non legalizziamo gli stupri a pagamento! No al Ddl Rufa

MAI STUPRI A PAGAMENTO

 

Non legalizziamo gli stupri a pagamento! No al Ddl Rufa

010.000
  6.954
 
6.954 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 10.000 firme.

Non legalizziamo gli stupri a pagamento! No al Ddl Rufa

Il Senatore della Lega Gianmarco Rufa ha presentato un disegno di legge sulla legalizzazione della prostituzione.

Afferma che sia "un gesto di civiltà nei confronti delle prostitute che si trovano per la strada".

Il disegno di legge infatti autorizza la prostituzione solo in abitazioni private, previ controlli sanitari e dietro fatturazione fiscale.

Ma di che cosa stiamo parlando!? 

Il grosso della prostituzione in strada è frutto dell'enorme tratta di donne dall'Est Europa, dall'Africa e dal Sud America. Schiave sessuali.

Se il Ddl Rufa passasse, queste donne si troverebbero dentro un ingranaggio che continuerebbe ugualmente a sfruttarle (perché non avrebbero certo, come non hanno ora, il coraggio di denunciare i loro aguzzini che le minacciano di ritorsioni contro le loro famiglie), con la differenza che lo Stato smetterebbe di combattere per loro, e anzi inizierebbe a far cassa sugli stupri che sarebbero costrette a subire.

Dovunque si è provato a 'regolamentare' il mercato degli stupri a pagamento (perché di questo si tratta) si è sempre fallito: Germania e Olanda, pioniere di questi percorsi, ora guardano attonite gli orribili risultati. 

La tratta uamana non è calata, le 'case chiuse' illegali dilagano, e al loro interno le donne sono trattate, contro la loro voltà e sfruttando la loro necessità economica, come schiave e oggetti di piacere.

Non possiamo tollerare che l'Italia smetta di combattere questo inferno nascondendolo sotto il tappeto e mangiandoci sopra. 

Bisogna inasprire le pene per i "clienti" che finanziano questo fenomeno immondo, puntando anche sulla pubblicità sociale della loro denuncia. 

Un uomo deve avere il terrore di uscire di casa in cerca di schiave sessuali.

Questa è l'unica strada. Il resto è complicità infame.

Firma contro il Ddl Rufa!

- - - 

Fonti

+ Letter to:

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your email
Please enter your country
Please enter your zip code
Per firmare seleziona una voce:
Trattiamo i tuoi dati personali in conformità con la nostra Informativa sulla privacy e ai nostri Termini di servizio.Firmando la presente accetta i Termini di Uso e la Policy della Fondazione CitizenGO, e accetta di ricevere in futuro altre comunicazioni sulle nostre attività e campagne. Può ritirare il consenso prestato in qualsiasi momento e senza alcun impegno. Grazie.

No alla legalizzazione della prostituzione!

Gentile Senatore Rufa, 

legalizzare la prostituzione significa favorire la tratta internazionale di esseri umani e la schiavitù di migliaia di donne, costrette a subire violenze sessuali in condizioni tutt'altro che controllabili dallo Stato. Dove si è intrapresa questa strada, come in Germania e Olanda, non si è affatto sconfitto il fenomeno dello sfruttamento, che anzi è aumentato ancor più fuori dal controllo dello Stato. Nessuna donna libera sceglie la prostituzione! Chiedo invece inasprimento delle sanzioni per i "clienti" che alimentano questo squallido mercato. No alla legalizzazione della prostituzione!

Cordialmente

Non legalizziamo gli stupri a pagamento! No al Ddl Rufa

Firma subito questa petizione!

010.000
  6.954
 
6.954 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 10.000 firme.